Total Pageviews

Monday, 20 February 2017

BilBolBul newsletter 20th February

Ricevi questa mail in quanto regolarmente iscritto alla lista BILBOLBUL.
Non vedi bene questa mail? Guardala nel browser. Non sei interessato? Disiscriviti qui.

CONTENUTI

  • Due incontri con Luigi Serafini, il 23 febbraio aBologna
  • Ore 11.00 - Aula Magna - Accademia di Belle Arti di Bologna
  • Ore 18.30 - Libreria Modo Infoshop



BBB17 - GIOVEDÌ GRASSO CON LUIGI SERAFINI - 23 FEBBRAIO

Il primo appuntamento di BilBOlbul 2017 è prossimo. Tante le novità nella formula del festival che vi annunceremo nei prossimi mesi, ma l’obiettivo è che BilBOlbul sia sempre di più un presidio costante e continuo sul fumetto, l’illustrazione e il racconto per immagini.
Un festival che si snoda e sviluppa nel corso dell’anno, con appuntamenti che vi accompagneranno da qui a novembre.

Il primo evento di questa nuova edizione è la presenza a Bologna di Luigi Serafini, autore del celebre Codex Seraphinianus, per due incontrigiovedì 23 febbraio.

Alle ore 11.00, presso l’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna (Via Belle Arti, 54), l’autore sarà protagonista dell’incontro “La realtà e l’enciclopedia. Il libro parallelo di Luigi Serafini”, in un dialogo con Emilio Varrà e Ilaria Tontardini.

Macchine surreali, metamorfosi animali e vegetali, una sequenza di invenzioni colorate commentate da una scrittura immaginaria, il Codex Seraphinianus è un libro di culto, un codice miniato visionario e misterioso pubblicato originariamente nel 1981 da Franco Maria Ricci, che continua da anni ad affascinarci per la sua capacità di rivelazione. Apprezzato da storici e critici dell'arte come Federico Zeri e Vittorio Sgarbi, il Codex ripercorre in chiave utopica e fantastica tutti i campi dello scibile, dalla zoologia alla botanica, dalla mineralogia all'etnografia, dalla fisica alla tecnologia: uomini tenaglia, amanti-coccodrillo, uova che volano, alberi capovolti.

Alle ore 18.30, presso la Libreria Modo Infoshop (Via Mascarella, 24/b), Tommaso Bianco, il pulcinella di Eduardo De Filippo, incontra Luigi Serafini, in un evento dal titolo “Pulcinellopaedia Seraphiniana”.

La Pulcinellopaedia Seraphiniana è un'enigmatica sinfonia per immagini dedicata a Pulcinella. Composta tra il 1983 e il 1984 a partire dai bozzetti nati in occasione del Carnevale di Venezia.

Tommaso Bianco si è formato nella scuola di Eduardo De Filippo, con cui ha debuttato nel 1968, recitando poi in quasi tutte le sue opere. 

Ha recitato in compagnie teatrali di altri importanti registi tra cui Luigi De Filippo, Dario Fo e Franco Zeffirelli.

Nel cinema ha debuttato accanto a Sophia Loren nel filmLa mortadella diretto da Mario Monicelli, che lo dirigerà poi in altri quattro film. Ha lavorato anche sotto la direzione di Roberto Benigni, Luciano De Crescenzo, Nanny Loy, Pasquale Squitieri, Pasquale Festa Campanile, Ettore Scola, Salvatore Piscicelli.

Attualmente vive a Bologna, dove dirige una scuola di teatro e continua a portare in scena i capolavori della tradizione napoletana.

Luigi Serafini (Roma, 4 agosto 1949) è un artista, architetto e designer italiano.
È famoso per le sue opere stranianti e misteriose, come il Codex Seraphinianus (1981).
Nel 1971 viaggia attraverso gli Stati Uniti con sacco a pelo e Rolleiflex e si ferma a lavorare da Paolo Soleri presso la nascente Arcosanti. Nel 1972 scende fino a Babilonia, lungo l'Eufrate. Nel 1973 visita l'Africa equatoriale e il fiume Congo. Successivamente comincia la carriera come architetto.

Nel 1981 pubblica la prima edizione del Codex Seraphinianus con Franco Maria Ricci Editore, che richiama l'attenzione di Roland Barthes e su cui Italo Calvino scrive un saggio pubblicato nella raccoltaCollezione di sabbia (Oscar Mondadori). Il libro ha successivamente altre sette edizioni e la presente è l'ottava, edita dalla Rizzoli. Nel 1984 è la volta diPulcinellopedia (piccola) per la casa editrice Longanesi, un libro concepito come suite di disegni a matita e brevi testi, dedicato interamente alla maschera di Pulcinella.

Serafini oltre a essere pittore, scultore, ceramista e orafo, compie le sue brave incursioni nel campo del design, come nel 1981 con il collettivo Memphis di Ettore Sottsass e poi con progetti dall'impronta chiaramente metalinguistica, come le sedie "Suspiral" e "Santa" per Sawaya & Moroni o i vetri e le lampade per Artemide.

Nel 1990 crea la prima locandina per il film di Federico Fellini La voce della Luna. Nel 1991 è autore di scene, costumi e luci per il balletto Jazz Calender di Frederick Ashton al Teatro alla Scala. Nel 1992 collabora con la RAI e su Raiuno progetta la scenografia del programmaCi vediamo alle 10. Nel 1993 inventa e realizza la sigla del documentario in 6 puntate di Enzo Biagi sulla Lunga Marcia di Mao. Nel 1994, sempre per Raiuno ridisegna la sigla del programma Linea Verde.

A metà anni '90 è visiting artist in Canada, al Banff Center (Alberta) e al McLuhan Program (Toronto), diretto da Derrick de Kerckhove.

Nel 1999 è finalista per la miglior scenografia al Premio Ubu con "Materiali per una tragedia tedesca" di Antonio Tarantino (drammaturgo), prodotto dal Piccolo Teatro di Milano.
Da maggio a giugno 2007 si svolge al PAC (Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano) una "Mostra Ontologica" dal titolo "Luna-Pac Serafini" che conta quasi 11.000 visitatori in poco più di 30 giorni.

Nel luglio 2008 viene realizzata l'installazione frontaliera in legno policromo "Balançoires sans Frontières" (Altalene senza Frontiere) a Castasegna, lungo il confine italo-elvetico, dopo Chiavenna e sulla strada per St. Moritz. La struttura permette di dondolarsi tra le due Nazioni confinanti e recentemente è stata acquisita dal Comune svizzero.

Ha pubblicato racconti con Fandango, Bompiani, Archinto, nonché articoli su numerosi quotidiani italiani e collaborato con programmi di Rai Radio Tre.

Hanno scritto sul suo lavoro: Federico Zeri, Vittorio Sgarbi, Giorgio Manganelli, Giorgio Soavi, Giacinto di Pietrantonio, Achille Bonito Oliva, Douglas Hofstadter, Philippe Daverio, Tonino Guerra, Alberto Manguel, Umberto Eco. Tra i suoi estimatori anche Tim Burton.

Per informazioni: www.bilbolbul.net


BilBOlbul Festival internazionale di fumetto fa parte della 
Rete dei Festival del Contemporaneo di Bologna
Gender Bender: 29 ottobre > 5 novembre 2016 - www.genderbender.it :: 
BilBOlbul
: 24 > 27 novembre 2016 - bilbolbul.net ::
Xing Live Arts Week
: 19 > 22 aprile 2017 - liveartsweek.it :: 
Future Film Festival
: 2 > 7 maggio 2017 -futurefilmfestival.org ::
Angelica - Festival Internazionale di musica
: 4 > 31 maggio 2017 - aaa-angelica.com ::
Biografilm Festival
: 9 > 19 giugno 2017 - biografilm.it :: 

No comments:

Post a Comment